Elettra, la nave dei miracoli!

“Candida nave che navigava nel miracolo e animava i

silenzi eterei del mondo.” (di G. D’Annunzio)

L’Elettra    è    noto    per    tutti    di    essere    stata    la    nave    dove    venivano    eseguiti    gli esperimenti   di   Guglielmo   Marconi,   pochi   ricordano   o   non   sanno   che   nel   1903   lo yacht   venne   commissionato   dall'Arciduca   d'Austria   Carlo   Stefano,   ufficiale   della marina   austriaca   presso   il   cantiere   navale   Ramage   &   Ferguson   Ldt.   di   Leith   in Scozia,   il   27   marzo   dopo   un anno    viene    varata    e    da    ha una     stazza     di     oltre     632 tonnellate,     la          lunghezza dello      scafo      (fuori      tutto)        67,40m      e      larga      8,40m, pescaggio    a    pieno    carico    5 m,     motore     a     vapore     con potenza   di   1.000   cavalli   e   una   velocità   di   12   nodi,   viene   battezzato   con   il   nome   Rovenska   in   ricordo      dell’omonima   località      sull'isola   di   Lussino   (oggi   Croazia)   dove l'arciduca   solitamente   abitava   con   moglie,   l'arciduchessa   Maria   Teresa.   Nel   1910   lo yacht   venne   ceduto   a   Sir   Max   Waechter   e   poi   nel   1914   riveduto   a   Gustavus   H.F. Pratt   mantenendo   sempre   lo   stesso   nome   anche   se   passando   sotto   la   bandiera inglese.   Con   lo   scoppio   della   1ª   guerra   mondiale   viene   subito   militarizzata   e   usata per   il   pattugliamento   nella   Manica,   tra   l'Inghilterra   ed   i   porti   di   Brest   e   Saint   Malo (Francia)    inoltre    viene    adattata    come    dragamine.    Nel    1919    Guglielmo    Marconi acquista   la   Rovenska   per   21.000   sterlina   ad   un'asta   e   viene   portata   a   La   Spezia   per adattarla   per   i   scopi   scientifici,   per   assegnarli   il   nome   ,   inizialmente   Marconi   voleva dargli   Scintilla,   poi   si   optò   per   ELETTRA   questo   fu   scelto   perché   molto   più   facile da   pronunciare,   in   particolar   modo   dai   anglosassoni.   Negli   anni   a   seguire   nella nave   laboratorio   continuano   importantissimi   esperimenti   di   radiotelefonia,   fino   al celebre   esperimento   delle   accensione   delle   luci   nel   porto   di      Sidney   con   il   tasto telegrafico   conservato   al   museo   del   Mare   di   Trieste   dove   vi   sono   conservati   altri reperti   compreso   un   modellino   dell'Elettra   in   scala   1:50.   Nel   1937   dopo   la   morte   di Guglielmo      Marconi      viene presa   in   carico   dal   Ministero delle                 Comunicazioni, durante       la       2ª       Guerra Mondiale        l'Elettra       viene portata      e      ormeggiata      al molo   III°      del   Porto   Vecchio di   Trieste   ritenuto   più   sicuro dai    bombardamenti    alleati. Nel   1943   viene   requisita   dal   Comando   militare   tedesco   e   svuotata   di   tutte   le   sue apparecchiature   radio   e   dei   accessori   del   laboratorio,   a   questo   punto   l'Elettra viene   armata   e   usata   dalla   marina   tedesca   per   il   pattugliamento   costiero,   per questa    occasione    viene    usata    la    sigla    G    107.    L'Elettra    nel    svolgimento    di   lungo      le      coste della    Dalmazia    il 22    gennaio    1944      a     nord     di     Zara subbi   l'attaccato   da   una   squadriglia   di   aerei   inglesi,   grazie   ai   bassi   fondali   impedì   il suo   affondamento.   Nel   1959   dopo   lunghe   trattative   con   il   governo   Jugoslavo   viene riportato   a   galla   e   trainato a   rimorchio   fino   il   cantiere San      Rocco      di      Muggia (Trieste),     l'intento     era     di restaurare       il       relitto       e portarlo         all'epoca         di Guglielmo                Marconi. Purtroppo    i    enormi    costi per   questa   operazione   e   le   rivalità   tra   molte   città   italiane   che   rivendicavano   i   diritti sulla     nave,     pertanto     l'ambizioso     progetto     di     ristrutturazione     della     nave     è "affondata"   nuovamente   e   il   18   aprile   1977   ebbero   inizio   i   lavori   per   sezionare   lo scafo   in   tante   parti   e   poi   diviso   tra   le   città   contendenti.   La   prua   nel   1995   venne destinata   al   comune   di   Trieste   che   voleva sistemarlo   davanti   l’ex   Idroscalo   di   Trieste (ora    Capitaneria    del    Porto)    e    la    parete dell’edificio      avrebbe      dovuto      simulare l’albero   per   gli   stragli   di   prua.   Invece   con arrivo   del   nuovo   millennio   il   6   settembre 2000      viene      trasportata      nel      piazzale prospiciente     il     Laboratorio     di     ricerche elettromagnetiche    intitolato    a    Guglielmo Marconi,   nell’Area   di   Ricerca   di   Padriciano nel   Carso   Triestino   dove   trova   finalmente la sua definitiva sistemazione.
iv3kasGigi Popovič

Panfilo   

Elettra,   

l’ultimo   

viaggio

della nave della discordia…

Il    6    settembre    2000    ho    avuto    la    fortuna    di    essere testimone    del    suo    ultimo    viaggio    via    mare,    in    quella occasione   ho   fatto   un   piccolo   servizio   fotografico,   dopo alcuni   anni   ho   deciso   di   raccontare   quei   emozionanti momenti   e   rendere   pubbliche   alcune   foto   ai   visitatori   di queste pagine.   ...Da   anni   abbandonata,   altri   seguiti   a   fare   numerosi progetti,    questa    è    stata    la    sua    lunga    agonia.    Per alcuni   anni   ho   avuto   l'occasione   a   pochi   metri   dalla finestra     dell’ufficio     a     vedere     arrugginire     ciò     che rimaneva    del    panfilo    Elettra.    Col    arrivo    del    nuovo millennio   è   stata   finalmente   presa   una   decisione   a dargli   un   ormeggio   più   dignitoso   a   questa   gloriosa nave o meglio alla "Prua dell'Elettra". Questo    oggi    è    il    suo    ultimo    viaggio    via    mare    e    di quello   che      ne   rimane   dell’Elettra,      nave   laboratorio   e luogo   di   tanti   esperimenti   di   Guglielmo   Marconi.   La sua    destinazione    definitiva    è    Padriciano,    altipiano carsico   nella   provincia   di   Trieste.   Qui   prua   è   destinata a     diventare     un     monumento     all'interno     dell'Area Science    Park,    arrivata    a    bordo    di    una    chiatta    il    6 settembre   2000   alle   15.40   al   molo   Bersaglieri,   pochi metri   da   piazza   Unità   d'Italia,   dopo   lo   sbarco   rimarrà ferma   in   banchina   per   alcune   ore,   durante   la   notte con   la   diminuzione   del   traffico   cittadino   proseguirà   il suo     viaggio     attraversando     la     città     via     terra     in direzione    dell'altopiano    carsico.    Da    questo    ultimo viaggio   via   mare   la   prua   dell’Elettra   viene   accolta   da una      delegazione      formata      dal      vicesindaco,      dal direttore     dei     civici     musei,     dal     comandante     della Capitaneria   del   porto   di   Trieste,   la   rappresentanza   del Comitato   Elettra,   la   stampa   e   da   un   folto   pubblico   di cittadini.   Sulle   riva   triestina   in   quel   momento   vi   erano due   Elettra,   ad   attendere   il   suo   arrivo   era   presente anche    la    figlia    di    Guglielmo    Marconi,    Principessa Elettra   Marconi,   la   quale   ha   dichiarato   "Da   bambina, su    quest'imbarcazione    ho    vissuto    momenti    splendidi" . Confusi   tra   la   folla   una   piccola   rappresentanza   dei radioamatori   della   locale   sezione   A.R.I.   di   Trieste,   il presidente   di   allora   Salvatore   IV3DYS   e   Luigi   IV3KAS. Nella   tarda   serata   la   prua   dell'Elettra   percorrerà   su   un carrello    speciale    scortato    dai    vigili    urbani    l'ultima parte   del   viaggio   attraversando   la   città   di   Trieste   in direzione    dell'altipiano    carsico,    dopo    oltre    7    ore    di viaggio   a   passo   d'uomo   tra   le   vie   cittadine   la   prua arriva   finalmente   a   destinazione,   qui   viene   sistemata definitivamente   sotto   la   direzione   dell'architetto   Giò Pomodoro.   Dopo   cinque   anni   esatti   dal   suo   arrivo   nel nuovo   "ormeggio"   il   2   settembre   2005   finalmente   si iniziava    a    fare    un    po'    lifting,    cioè        sabbiatura    e verniciatura   della   prua   anche   se   per   una   nave   per questi   lavori   solitamente   c'è   il   bacino   di   carenaggio, ma    per    questa    volta    sarà    diverso,    immerso    tra    i splendidi   colori   di   inizio   d'autunno   come   sa   colorarsi solo   il   carso,   ad   ogni   modo   finalmente   fa   bella   mostra di   sé,   non   mancherà   così   di   alimentare   le   fantasie   dei visitatori.
Panfilo “Rovenska” Pola 1905
1943 ormeggio al molo III° di Trieste
Trasformazione del ex Elettra poi G107 nel 1943
Dove fu colpita il 22 gennaio 1944 il patugliatore tedesco ex Elettra a nord di Zara (Costa Dalmata) oggi Croazia
(Disegno ing. E. Geller)
Per   vedere   le   immagini   ingrandite   clicca   su   una e avvia il play!

Elettra, la nave dei miracoli!

“Candida nave che navigava nel miracolo e

animava i silenzi eterei del mondo.” (di G.

D’Annunzio)

L’Elettra   è   noto   per   tutti   di   essere   stata   la   nave   dove   venivano   eseguiti   gli esperimenti   di   Guglielmo   Marconi,   pochi   ricordano   o   non   sanno   che   nel 1903   lo   yacht   venne   commissionato   dall'Arciduca   d'Austria   Carlo   Stefano, ufficiale    della    marina    austriaca    presso    il    cantiere    navale    Ramage    & Ferguson   Ldt.   di   Leith   in   Scozia,   il   27   marzo   dopo   un   anno   viene   varata   e da   ha   una   stazza   di   oltre   632   tonnellate,   la      lunghezza   dello   scafo   (fuori tutto)      67,40m   e   larga   8,40m,   pescaggio   a   pieno   carico   5   m,   motore   a vapore   con   potenza   di   1.000   cavalli   e   una   velocità   di   12   nodi,   viene battezzato     con     il nome    Rovenska   in r     i     c     o     r     d     o           ’    località      sull'isola   di Lussino             (oggi Croazia)             dove l   '   a   r   c   i   d   u   c   a     solitamente   abitava   con   moglie,   l'arciduchessa   Maria   Teresa.   Nel   1910   lo yacht    venne    ceduto    a    Sir    Max    Waechter    e    poi    nel    1914    riveduto    a Gustavus    H.F.    Pratt    mantenendo    sempre    lo    stesso    nome    anche    se passando    sotto    la    bandiera    inglese.    Con    lo    scoppio    della    1ª    guerra mondiale   viene   subito   militarizzata   e   usata   per   il   pattugliamento   nella Manica,   tra   l'Inghilterra   ed   i   porti   di   Brest   e   Saint   Malo   (Francia)   inoltre viene   adattata   come   dragamine.   Nel   1919   Guglielmo   Marconi   acquista   la Rovenska   per   21.000   sterlina   ad   un'asta   e   viene   portata   a   La   Spezia   per adattarla    per    i    scopi    scientifici,    per    assegnarli    il    nome    ,    inizialmente Marconi   voleva   dargli   Scintilla,   poi   si   optò   per   ELETTRA   questo   fu   scelto perché     molto     più     facile     da     pronunciare,     in     particolar     modo     dai anglosassoni.    Negli    anni    a    seguire    nella    nave    laboratorio    continuano importantissimi      esperimenti      di      radiotelefonia,      fino      al      celebre esperimento   delle   accensione   delle   luci   nel   porto   di      Sidney   con   il   tasto telegrafico    conservato    al    museo    del    Mare    di    Trieste    dove    vi    sono conservati   altri   reperti   compreso   un   modellino   dell'Elettra   in   scala   1:50. Nel   1937   dopo   la   morte   di   Guglielmo   Marconi   viene   presa   in   carico   dal Ministero   delle   Comunicazioni,   durante   la   2ª   Guerra   Mondiale    l'Elettra viene      portata      e ormeggiata           al molo      III°            del Porto     Vecchio     di Trieste        ritenuto più       sicuro       dai   alleati.     Nel     1943 viene   requisita   dal Comando   militare   tedesco   e   svuotata   di   tutte   le   sue   apparecchiature radio    e    dei    accessori    del    laboratorio,    a    questo    punto    l'Elettra    viene armata   e   usata   dalla   marina   tedesca   per   il   pattugliamento   costiero,   per questa   occasione   viene   usata   la   sigla   G   107.   L'Elettra   nel   svolgimento   di pattugliatore   lungo   le   coste   della   Dalmazia   il   22   gennaio   1944      a   nord   di Zara   subbi   l'attaccato   da   una   squadriglia   di   aerei   inglesi,   grazie   ai   bassi fondali    impedì    il s              u              o                Nel     1959     dopo lunghe    trattative con      il      governo Jugoslavo      viene riportato    a    galla e    trainato    a    rimorchio    fino    il    cantiere    San    Rocco    di    Muggia    (Trieste), l'intento    era    di    restaurare    il    relitto    e    portarlo    all'epoca    di    Guglielmo Marconi.   Purtroppo   i   enormi   costi   per   questa   operazione   e   le   rivalità   tra molte    città    italiane    che    rivendicavano    i    diritti    sulla    nave,    pertanto l'ambizioso     progetto     di     ristrutturazione     della     nave     è     "affondata" nuovamente   e   il   18   aprile   1977   ebbero   inizio   i   lavori   per   sezionare   lo scafo   in   tante   parti   e   poi   diviso   tra   le   città   contendenti.   La   prua   nel   1995 venne   destinata   al   comune   di   Trieste   che   voleva   sistemarlo   davanti   l’ex Idroscalo   di   Trieste   (ora   Capitaneria   del   Porto)   e   la   parete   dell’edificio avrebbe   dovuto   simulare   l’albero per   gli   stragli   di   prua.   Invece   con arrivo    del    nuovo    millennio    il    6 settembre             2000             viene trasportata           nel           piazzale prospiciente     il     Laboratorio     di ricerche              elettromagnetiche intitolato    a    Guglielmo    Marconi, nell’Area   di   Ricerca   di   Padriciano nel    Carso    Triestino    dove    trova finalmente      la      sua      definitiva sistemazione.
iv3kasGigi
Popovi č
EnglishFrenchGermanJapaneseRussianSlovenianSpanish
Panfilo “Rovenska” Pola 1905
1943 ormeggio al molo III° di Trieste
Dove fu colpita il 22 gennaio 1944 il patugliatore tedesco ex Elettra a nord di Zara (Costa Dalmata) oggi Croazia

Panfilo  

Elettra,  

l’ultimo  

viaggio  

della  

nave

della discordia…

Il    6    settembre    2000 ho    avuto    la    fortuna di    essere    testimone del        suo        ultimo viaggio    via    mare,    in quella    occasione    ho fatto       un       piccolo servizio     fotografico, dopo   alcuni   anni   ho deciso    di    raccontare    quei emozionanti      momenti      e rendere pubbliche alcune foto ai visitatori di queste pagine.   ...Da   anni   abbandonata,   altri   seguiti   a   fare   numerosi   progetti,   questa è   stata   la   sua   lunga   agonia.   Per   alcuni   anni   ho   avuto   l'occasione   a pochi   metri   dalla   finestra   dell’ufficio   a   vedere   arrugginire   ciò   che rimaneva   del   panfilo   Elettra.   Col   arrivo   del   nuovo   millennio   è   stata finalmente   presa   una   decisione   a   dargli   un   ormeggio   più   dignitoso   a questa gloriosa nave o meglio alla "Prua dell'Elettra". Questo   oggi   è   il   suo   ultimo   viaggio   via   mare   e   di   quello   che      ne rimane   dell’Elettra,      nave   laboratorio   e   luogo   di   tanti   esperimenti   di Guglielmo    Marconi.    La    sua    destinazione    definitiva    è    Padriciano, altipiano   carsico   nella   provincia   di   Trieste.   Qui   prua   è   destinata   a diventare   un   monumento   all'interno   dell'Area   Science   Park,   arrivata a    bordo    di    una    chiatta    il    6    settembre    2000    alle    15.40    al    molo Bersaglieri,    pochi    metri    da    piazza    Unità    d'Italia,    dopo    lo    sbarco rimarrà   ferma   in   banchina   per   alcune   ore,   durante   la   notte   con   la diminuzione     del     traffico     cittadino     proseguirà     il     suo     viaggio attraversando   la   città   via   terra   in   direzione   dell'altopiano   carsico.   Da questo   ultimo   viaggio   via   mare   la   prua   dell’Elettra   viene   accolta   da una    delegazione    formata    dal    vicesindaco,    dal    direttore    dei    civici musei,    dal    comandante    della    Capitaneria    del    porto    di    Trieste,    la rappresentanza    del    Comitato    Elettra,    la    stampa    e    da    un    folto pubblico   di   cittadini.   Sulle   riva   triestina   in   quel   momento   vi   erano due   Elettra,   ad   attendere   il   suo   arrivo   era   presente   anche   la   figlia   di Guglielmo     Marconi,     Principessa     Elettra     Marconi,     la     quale     ha dichiarato    "Da    bambina,    su    quest'imbarcazione    ho    vissuto    momenti splendidi" .    Confusi    tra    la    folla    una    piccola    rappresentanza    dei radioamatori   della   locale   sezione   A.R.I.   di   Trieste,   il   presidente   di allora   Salvatore   IV3DYS   e   Luigi   IV3KAS.   Nella   tarda   serata   la   prua dell'Elettra    percorrerà    su    un    carrello    speciale    scortato    dai    vigili urbani   l'ultima   parte   del   viaggio   attraversando   la   città   di   Trieste   in direzione   dell'altipiano   carsico,   dopo   oltre   7   ore   di   viaggio   a   passo d'uomo   tra   le   vie   cittadine   la   prua   arriva   finalmente   a   destinazione, qui   viene   sistemata   definitivamente   sotto   la   direzione   dell'architetto Giò   Pomodoro.   Dopo   cinque   anni   esatti   dal   suo   arrivo   nel   nuovo "ormeggio"   il   2   settembre   2005   finalmente   si   iniziava   a   fare   un   po' lifting,   cioè      sabbiatura   e   verniciatura   della   prua   anche   se   per   una nave   per   questi   lavori   solitamente   c'è   il   bacino   di   carenaggio,   ma   per questa   volta   sarà   diverso,   immerso   tra   i   splendidi   colori   di   inizio d'autunno   come   sa   colorarsi   solo   il   carso,   ad   ogni   modo   finalmente fa   bella   mostra   di   sé,   non   mancherà   così   di   alimentare   le   fantasie   dei visitatori. Per vedere le immagini ingrandite clicca su una e avvia il play!