Il codice Internazionale della telegrafia

Per ascoltare l’audio della nota interessata, clicca sopra la lettera dell’alfabeto o il numero!
iv3kasGigi Popovič

Samuel Finley Breese Morse

Così nacque il telegrafo e l’alfabeto morse.

Samuel   Finley   Breese   Morse,   inventore   del alfabeto    Morse,    l'inventore    del    telegrafo nacque    il    27    aprile    1791    a    Charlestown (Massachusetts)     e     morì     per     malattia     a ottant'anni    il    2    aprile    1872    a    New    York. Uomo   dotato   di   molta   inventiva   ma   anche di     grande     svogliatezza,     comunque     si     a laureò    presso    il    Yalle    College    nel    1810. L'anno    successivo    partì    per    Londra    dove intraprese    più    seriamente    gli    studi    della pittura,      cinque   anni   dopo   ritornò   in   patria dove    con    l'aiuto    di    altri    artisti    fondò    la "Società     di     belle     arti"     e     in     seguito     la "National   Accademy   of   Design".      Nella   sua permanenza   in   Europa   visitò   molte   città   italiane      e   francesi   e   ne   rimase   molto affascinato.   Il   soggiorno   italiano   gli   stimolò   la   sua   vena   di   creatività   dove   riuscì a   dipinse   un   buon   numero   di   tele,   tra   queste   "Museo   del   Louvrè"   che   nel   1982 venne    battuto    all'asta    per    tremilioniduecentomila    $.    Nel    1836    dopo    vari esperimenti     +/-     con     pezzi     rudimentali     e     dopo     innumerevoli     tentativi     il rudimentale   telegrafo   funzionò.   In   seguito   con   l'aiuto   di   due   soci   progettò   il trasmettitore     automatico,     e     nel     1837     ne     chiese     il     brevetto,     a     cui successivamente   invento   le   famose   punto-linea,   in   seguito   con   alcuni   piccoli adattamenti   nacque   "Alfabeto   Morse"   e   si   era   alla   fine   del   1839.   La   prima   linea telegrafica   in   Italia   entrò   in   funzione   nel   1847   e   metteva   in   comunicazione Livorno   con   Pisa.   In   seguito   con   l'invenzione   della   radio   di   Marconi,   la   telegrafia in   parallelo   con   la   radio   ora   era   possibile   comunicare   a   grandi   distanze.   Dopo 60   anni   venne   aggiunto   un   nuovo   simbolo   al   codice   morse   "@"   la   chiocciola telematica,   era   il   3   maggio   2004.      Oramai   il codice     morse     viene     usato     soltanto     dai radioamatori!
Per esercitarti e/o apprendere il codice morse, clicca sull’immagine del operatore qui sopra e scarica il programma. (Software by F6DQM)
A B C D E F G H I J K L M
N O P Q R S T U V W X Y Z
1 2 3 4 5 6 7 8 9 0
...il manipolatore viene alimentato da una tensione in corrente continua, il dispositivo elettromeccanico che chiude e apre il circuito elettrico inviando cosė degli impulsi elettrici alla linea del telegrafo!
Trasmettitore   Ricevitore

Samuel F. B. Morse

Così nacque il telegrafo e l’alfabeto morse.

Samuel   Finley   Breese   Morse,   inventore   del alfabeto    Morse,    l'inventore    del    telegrafo nacque    il    27    aprile    1791    a    Charlestown (Massachusetts)     e     morì     per     malattia     a ottant'anni    il    2    aprile    1872    a    New    York. Uomo   dotato   di   molta   inventiva   ma   anche di     grande     svogliatezza,     comunque     si     a laureò    presso    il    Yalle    College    nel    1810. L'anno    successivo    partì    per    Londra    dove intraprese    più    seriamente    gli    studi    della pittura,      cinque   anni   dopo   ritornò   in   patria dove    con    l'aiuto    di    altri    artisti    fondò    la "Società     di     belle     arti"     e     in     seguito     la "National   Accademy   of   Design".      Nella   sua permanenza    in    Europa    visitò    molte    città italiane        e    francesi    e    ne    rimase    molto affascinato.   Il   soggiorno   italiano   gli   stimolò   la   sua   vena   di   creatività   dove   riuscì a   dipinse   un   buon   numero   di   tele,   tra   queste   "Museo   del   Louvrè"   che   nel   1982 venne    battuto    all'asta    per    tremilioniduecentomila    $.    Nel    1836    dopo    vari esperimenti     +/-     con     pezzi     rudimentali     e     dopo     innumerevoli     tentativi     il rudimentale   telegrafo   funzionò.   In   seguito   con   l'aiuto   di   due   soci   progettò   il trasmettitore     automatico,     e     nel     1837     ne     chiese     il     brevetto,     a     cui successivamente   invento   le   famose   punto-linea,   in   seguito   con   alcuni   piccoli adattamenti   nacque   "Alfabeto   Morse"   e   si   era   alla   fine   del   1839.   La   prima   linea telegrafica   in   Italia   entrò   in   funzione   nel   1847   e   metteva   in   comunicazione Livorno   con   Pisa.   In   seguito   con   l'invenzione   della   radio   di   Marconi,   la   telegrafia in   parallelo   con   la   radio   ora   era   possibile   comunicare   a   grandi   distanze.   Dopo 60   anni   venne   aggiunto   un   nuovo   simbolo al      codice      morse      "@"      la      chiocciola telematica,   era   il   3   maggio   2004.      Oramai   il codice    morse    viene    usato    soltanto    dai radioamatori!

Il codice Internazionale della telegrafia

Per ascoltare l’audio della nota interessata, clicca sopra la lettera dell’alfabeto o il numero!
iv3kasGigi
Popovi č
EnglishFrenchGermanJapaneseRussianSlovenianSpanish
A B C D E F G H I J K L M
N O P Q R S T U V W X Y Z
1 2 3 4 5 6 7 8 9 0
Per esercitarti e/o apprendere il codice morse, clicca sull’immagine del operatore qui sopra e scarica il programma. (Software by F6DQM)
...il manipolatore viene alimentato da una tensione in corrente continua, il dispositivo elettromeccanico che chiude e apre il circuito elettrico inviando cosė degli impulsi elettrici alla linea del telegrafo!
Trasmettitore   Ricevitore